ansia

http://www.tuttogreen.it/rimedi-naturali/

http://www.tuttogreen.it/rimedi-naturali-insonnia/

http://www.tuttogreen.it/5-rimedi-naturali-per-lansia/

http://www.tuttogreen.it/come-allontanare-le-mosche-con-le-piante-aromatiche/

http://www.tuttogreen.it/usi-alternativi-del-bicarbonato/

RIMEDI NATURALI TAZZA DI MARMO

Tra gli usi alternativi del bicarbonato ce ne sono moltissimi relativi all’igiene personale.

Dentifricio e colluttorio. Mettendo una volta a settimana il bicarbonato sullo spazzolino, si può massimizzare la pulizia dei denti e del cavo orale; è meglio evitare, tuttavia, un uso troppo frequente che potrebbe danneggiare lo smalto dei denti. Se invece ne sciogliete 1  cucchiaino in mezzo bicchiere d’acqua, diventa un colluttorio per neutraliizzare l’alito cattivo.

Scrub. Anche il viso può beneficiare di una pulizia fai-da-te a base di bicarbonato che, diluito con acqua e qualche goccia di un olio essenziale, può rappresentare un ottimo scrub domestico.

Bagno emolliente. Leffetto emolliente può essere esteso anche alla pelle di tutto il corpo versando un po’ di questa sostanza nell’acqua della vasca da bagno oppure si può privilegiare la cura dei piedi versando il bicarbonato in una bacinella con acqua tiepida per un efficace pediluvio.

Deodorante. Si può anche ricavare un deodorante fai-da-te, applicando direttamente la polvere di bicarbonato sotto le ascelle e sui piedi. Oppure preparate una miscela con 2 cucchiaini di questa sostanza e 1 bicchiere d’acqua, lasciate riposare 24 ore e trasferite in un contenitore spray da spruzzare sulle parti.

 

Cattivi odori del frigo e della casa. Si possono assorbire e neutralizzare con l’impiego di una soluzione a base di acqua e bicarbonato. va benissimo anche per eliminare l’odore spiacevole di cipolla e aglio dalle mani sfregando un composto ottenuto con 3 parti di bicarbonato con 1 parte d’acqua. Anche aggiunto (1 cucchiaino) al sapone liquido svolge un’azione antiodore.

Argenteria, caffettiere e teiere. Una pasta costituita da 3 parti di bicarbonato ed 1 d’acqua cosparsa sull’argenteria, sulla caffettiera o altri oggetti in alluminio o metallo da pulire, permetterà di renderli brillanti. Risciacquate con acqua tiepida ed asciugate bene.

Pulizia del forno. Se volete togliere le incrostazioni di grasso dal forno, l’ideale è spargere con il bicarbonato l’interno del forno e spruzzare dell’acqua calda; lasciare così tutta la notte e poi pulire con una spugna umida.

Pulizia dei pavimenti. Potete sostituire i detergenti preparando nel secchio una soluzione di acqua calda e 1 bicchiere di bicarbonato.

pulizia soffione doccia

Ecco gli usi alternativi del bicarbonato: la pulizia del calcare nella rubinetteria

Pulizia del bagno. Per disincrostare e far brillare il lavello, i sanitari e le piastrelle, spargete della polvere di bicarbonato e strofinato con un panno umido. Se poi ci aggiungete del sale fino, sarà una crema abrasiva perfetta.

Pentole e piatti. Per pulire meglio e più facilmente pentole e piatti, versate nell’acqua 1 cucchiaio di bicarbonato. Anche disciolto nel detersivo ne potenzierà gli effetti.

Pulizia dei mobili. Sui mobili laccati lucidi o opachi, una passata delicata di una spugnetta con una manciata di bicarbonato permetterà di pulirli perfettamente. Risciacquate ed asciugate con un panno pulito.

Bucato in lavatrice. Nel detersivo liquido destinato alla vaschetta dedicata al detersivo, sciogliete 1 cucchiaio di bicarbonato. Perfetto nemico per gli odori e il calcare calcare dalla lavatrice. E’ ottimo anche per il bucato dei bébé e per il prelavaggio dei pannolini lavabili: immergeteli in una bacinella d’ d’acqua calda va disciolto mezzo bicchiere di bicarbonato.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che si può fare con il bicarbonato in casa!

Attrezzatura sportiva. Per pulire le attrezzature sportive ed eliminare gli odori da zaini e borsoni da palestra si può spargere in polvere, ma può essere utile usare una pasta ottenuta con acqua e bicarbonato che passerete con uno spazzolino per gli oggetti più sporchi.

Pulizia di grasso e olio. Le macchie di grasso e olio possono essere eliminate con del bicarbonato e strofinato con una spazzola umida.

 

 


ansia-300x172

 

La ricerca del Vanderbilt Institute of Chemical Biology sui topi di laboratorio. Gli studi clinici sull’uomo potrebbero aprire la via alla creazione di un innovativo farmaco contro i disturbi dell’umore NEW YORK - E’ stata scoperta una nuova potenziale strategia per trattare l’ansia. Punta sugli inibitori modificati chimicamente dell’enzima COX-2, capaci di attivare endocannabinoidi naturali nei topi, senza effetti collaterali gastrointestinali. Gli endocannabinoidi sono molecole naturali di segnalazione che attivano i recettori dei cannabinoidi nel cervello, gli stessi stimolati dalla marijuana, presenti anche nel sistema gastrointestinale e in altre parti del corpo e conosciuti per svolgere un ruolo importante nella modulazione dello stress e dell’ansia.

Gli inibitori “substrato-selettivi” sono stati sviluppati da un team di ricercatori coordinato da Lawrence Marnett del Vanderbilt Institute of Chemical Biology e riescono ad aumentare i livelli degli endocannabinoidi, senza effetti collaterali non solo gastrointestinali, ma anche cardiovascolari. Gli studi clinici sull’uomo dovrebbero iniziare nei prossimi anni e potrebbero aprire la via alla creazione di un innovativo farmaco contro i disturbi dell’umore e gli stati ansiosi. L’indagine è stata descritta su Nature Neuroscience.

Se questi gli inibitori funzioneranno anche sugli esseri umani, senza effetti collaterali, potrebbero aprire la strada a nuove cure per il trattamento dei disturbi dell’umore e d’ansia. ” A questo punto abbiamo aperto una porta che ci apre nuovi campi di ricerca  – spiega Sachin Patel, professore di Psichiatria e di Fisiologiae Biofisica Molecolare - Per ora abbiamo appena scalfito la superficie di questo settore di ricerca”.

“Noi pensavamo di sapere tutto quello che c’era da sapere sugli inibitori modificati chimicamente dell’enzima COX-2, – ha spiegato Lawrence Marnett, direttore del Vanderbilt Institute of Chemical Biology e coautore dello studio - .Ora l’approccio utilizzato dal team di Vanderbilt è un modo molto potente per aiutare a progettare la prossima generazione di farmaci. Nei prossimi anni inizieremo a lavorare su questi medicinali”.

 

http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2013/08/05/news/ansia_-64321323/?ref=fbpr