poesia stella cadente

TRILUSSA LA TARTARUGA (CHE VOLEVA VEDE' LE STELLE)

Stella cadente

Da Trilussa – Le poesie – Arnoldo Mondadori Editore – 1951

Quanno me godo da la loggia mia

quele sere d’agosto tanto belle

ch’er celo troppo carico de stelle

se pija er lusso de buttalle via,

ad ognuna che casca penso spesso

a le speranze che se porta appresso.

 

Perchè la gente immagina sur serio

che chi se sbriga a chiede qualche cosa

finche la striscia resta luminosa,

la stella je soddisfa er desiderio;

ma, se se smorza prima, bonanotte:

la speranzella se ne va a fa’ fotte.

 

Jersera, ar Pincio, in via d’esperimento,

guardai la stella e chiesi:”Bramerei

de ritrovamme a tuppertù co’ lei

come trent’anni fa: per un momento.

Come starà Lullù? Dov’è finita

la donna ch’ho più amato ne la vita?”

 

Allora chiusi gli occhi e ripensai

a le gioje, a le pene, a li rimorsi,

ar primo giorno quanno ce discorsi,

a quela sera che ce liticai…

E rivedevo tutto a mano a mano,

in un nebbione piucchemmai lontano.

 

Ma ner ricordo debbole e confuso

ecco che m’è riapparsa la biondina

Quanno venne da me quela mattina,

giovene, bella, dritta come un fuso,

che me diceva sottovoce:”E’ tanto

che sospiravo de tornatte accanto!”

 

Er fatto me pareva così vero

che feci fra de me:- Questa è la prova

che la gioja passata se ritrova

solo nel labirinto der pensiero.

Qualunquesia speranza è un brutto tiro

de l’illusione che ce pija in giro – .

 

Però ce fu la mano der Destino:

perchè doppo nemmanco un quarto d’ora,

giro la testa e vedo una signora

ch’annava a spasso con un cagnolino.

Una de quelle bionde ossiggenate

che perloppiù ricicceno d’estate.

 

- Chissà – pensai – che pure ‘sta grassona

co’ quer po’ po’ de robba che je balla

nun sia stata carina? – E ner guardalla

trovai ch’assomigliava a ‘na persona…

Speciarmente er nasino pe’ l’insù

me ricordava quello de Lullù…

 

Era lei? Nu’ lo so. Da certe mosse,

da la maniera de guardà la gente,

avrei detto: – E’ Lullù sicuramente…-

Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse

richiusi l’occhi e ritornai da quella

ch’avevo combinato co’ la stella.

 

Trilussa